VENEZIA 68 – BombaDiario 6 (HIMIZU, TINKER TAILOR SOLDIER SPY, A SIMPLE LIFE, DIE HERDE DES HERN)

 

“Himizu” di Sion Sono

Vi riportiamo di seguito i film visti durante la sesta giornata della 68. Mostra Internazionale d’Arte Ciinematografica di Venezia

Sesto giorno – 6 settembre 2011

HIMIZU di Sion Sono (Concorso)
Storia di adolescenze tormentate e maturità regredite nel Giappone post-Fukushima, scosso da uno tsunami che ha lobotomizzato l’intera società, dalle sue radici. Il consueto lirismo del regista giapponese trova un’espressione più matura e meno splatter del solito: Sion Sono costruisce un film equilibrato, complesso – forse troppo – e problematico, che trova respiro in un finale kitaniano che entra prepotentemente a gamba tesa nella storia del cinema nipponico – e non solo. VOTO: 7,5/10

TINKER TAILOR SOLDIER SPY di Thomas Alfredson (Concorso)
Intirghi doppiogiochisti tra i Servizi segreti di Sua maestà, nel pieno del bipolarismo della guerra fredda. Chi è la talpa? Filmone di spionaggio tratto dall’omonimo best seller di John Le Carré, ingarbugliato e inaccessibile ai più: esteticamente suggestivo e recitato splendidamente – tra tutti spicca un irriconoscibile Gary Oldman – sembra peró volutamente troppo incasinato, rifiutando cosí qualsiasi accordo narrativo con lo spettatore. VOTO: 6,5/10

A SIMPLE LIFE di Ann Hui (Concorso)
Tenero rapporto pluriennale tra una domestica e un produttore cinematografico: la prima finisce in una casa di riposo e il secondo la accudisce, ribaltando così i rapporti di forza servo-padrone di una vita. Il regista di Hong-Kong traspone sullo schermo una storia autobiografica che non convince del tutto per la troppa mielosità che sfocia, a tratti, nella retorica più becera: come si fa a non provare empatia per una simpatica vecchietta, amata da tutti, che ha servito per una vita ma che ora viene riverita? Nel film c’è poco altro. VOTO: 5,5/10

DIE HERDE DES HERN di Romuald Karmakar (Orizzonti)
Nel piccolo paesino della Baviera che ha dato i natali a Ratzinger si sviluppa nel giro di quattro giorni, dall’elezione al soglio pontificio dello stesso, un marketing a tappeto che sfrutta acutamente l’immagine del nuovo papa. Il film potrebbe benissimo fermarsi al primo quarto d’ora, cui fa seguito un’ora e venti di riprese di fedeli che pregano e piangono durante la veglia per la morte di Giovanni Paolo II. Un documentario inutile e pretenzioso, che vorrebbe raccontare le contraddizioni della fede ma che finisce per annoiare in tutta la sua pateticità e superficialità.

1 commento a “VENEZIA 68 – BombaDiario 6 (HIMIZU, TINKER TAILOR SOLDIER SPY, A SIMPLE LIFE, DIE HERDE DES HERN)”

  1. Maurizio ha detto:

    ma il n.6???? io aspetto le tue impressioni sul film di GIPI…

Prima di inserire un commento, assicurati di aver letto la nostra policy sui commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *