Casa d’altri

Silvio D’Arzo (1932 – 1958) è uno scrittore di culto, amato da un pubblico tanto selezionato quanto devoto. Alcuni scrittori contemporanei lo considerano addirittura fondamentale nella propria formazione umana e letteraria. Tra questi anche Pier Vittorio Tondelli, Claudio Piersanti, Guido Conti e Eraldo Affinati. Per gettare una luce sull’opera di questo scrittore emiliano e nel presentarvi la puntata di CultBook dedicata al racconto capolavoro intitolato Casa d’altri mi servo di una frase di Eraldo Affinati la cui scuola di lingua italiana per ragazzi stranieri in difficoltà Penny Wirton prende il nome proprio da un racconto di Silvio D’Arzo (Penny Wirton e sua madre): “un romanzo piccolo o grande che sia, offre informazioni sull’uomo. Informazioni speciali, che in nessun altro luogo potremmo trovare”.