OpenLab virtuale – pt. 5: Conrad, linea d’ombra

Prosegue l’OpenLab nella sua versione virtuale, adatta al momento che stiamo vivendo e sperimentazione di un “modello” per la condivisione e il commento di un testo a distanza.

Marta – La linea d’ombra (Joseph Conrad)

Solo i giovani hanno di questi momenti. Non intendo i giovanissimi. No. I giovanissimi, per essere esatti, non hanno momenti. È privilegio della prima giovinezza vivere in anticipo sui propri giorni in un ininterrotto flusso di speranza che non conosce pause né introspezione.
Ci chiudiamo alle spalle il cancelletto della fanciullezza – ed entriamo in un giardino incantato. Qui perfino le ombre risplendono di promesse. Ogni svolta del sentiero ha le sue seduzioni. E non perché questa sia una terra inesplorata. Sappiamo fin troppo bene che tutti gli uomini sono passati di qui. È il fascino di un’esperienza universale da cui ci attendiamo sensazioni non comuni o personali – qualcosa che sia solo nostro.
Andiamo avanti eccitati, divertiti, riconoscendo i segni lasciati intorno a noi da chi ci ha preceduti, accettando insieme la buona e la cattiva sorte – le rose e le spine, come si suol dire – il pittoresco destino che riguarda tutti gli uomini e che riserva così tante possibilità ai più meritevoli o forse ai più fortunati. Sì. Andiamo avanti. E anche il tempo va avanti – fino a quando distinguiamo di fronte a noi una linea d’ombra che ci avvisa che bisogna lasciarsi alle spalle anche la regione della prima giovinezza.

Questo è il periodo delle vita in cui è più facile che capitino di quei momenti di cui ho parlato. Quali momenti? Be’, momenti di noia, di stanchezza, di insoddisfazione. Momenti avventati. Momenti intendi in cui, chi è ancora giovane è portato a compiere gesti avventati, come sposarsi all’improvviso o abbandonare un lavoro senza alcun motivo.
 
Quando ho letto questo testo per la prima volta sono rimasta subito colpita.

Mi piace la dimensione idilliaca dell’adolescenza e il fatto che in questa fase della vita anche le ombre, simbolo dell’oscurità, risplendano. Mi ha colpito anche l’idea che tutti gli uomini siano accomunati dallo stesso destino, quello di attraversare il giardino incantato, e che ognuno lasci un segno per quelli che lo attraverseranno dopo di lui, ma nonostante questo ci aspettiamo qualcosa che sia solo nostro.

L’immagine più suggestiva, almeno per me, è stata quella della linea d’ombra che rappresenta una specie di rito di passaggio nella vita di ognuno di noi. Mi ha colpita la differenza tra il cancelletto che mette fine all’infanzia e la linea d’ombra che mette fine all’adolescenza: il primo infatti è materiale, tangibile, la seconda invece è immateriale e indefinita.

Tiziana

Sono righe che davvero “ci appartengono”, nel senso che sono di tutti noi, ci ritroviamo e un po’ – proprio in questi giorni in cui abbiamo “più tempo” per pensare, da dedicarci – ci costringono a fare un viaggio a ritroso nelle nostre vite.
Anzi, come dice il testo, nelle nostre esperienze. Questa è la parola cardine di BombaCarta ed è anche un esercizio che cuore e mente possono fare, in totale libertà.
Esperienza e libertà: saranno questi i segni che ognuno di noi lascia? Forse. Anche saper chiudere bene un cancelletto alle nostre spalle non è una cosa da poco.
Spesso mi ritrovo a rifiutare le fasi della vita, quasi fossero un semplicistico modo per trattare una materia tanto complessa.
Eppure, come hai ben sottolineato tu: È il fascino di un’esperienza universale da cui ci attendiamo sensazioni non comuni o personali – qualcosa che sia solo nostro. Ovvero momenti, situazioni, attimi che nessuno può portarci via. Ma che per diventare vera esperienza dobbiamo condividere. Indipendentemente dall’età.

Greta

Il tuo testo mi colpisce perché incornicia l’uomo in due delle sue dimensioni: il tempo (“Solo i giovani hanno di questi momenti”) e lo spazio (“entriamo in un giardino incantato”).
Quest’ultimo sembra predominare nel testo e lo scrittore ci si dilunga parecchio, come se avesse paura di dirci qualcosa di più su quei momenti accennati all’inizio.
Attraverso una struttura ciclica, riprende il discorso lasciato in sospeso solo alla fine e, quasi stupito, ci dice: “Quali momenti? Be’, momenti di noia, di stanchezza, di insoddisfazione. Momenti avventati”.
Strano come questi momenti identificati con tre termini negativi risultino essere fecondi e sfocino in un’azione (“sposarsi all’improvviso o abbandonare un lavoro senza alcun motivo”). Strano e bello! Ci dà speranza: anche in quello che sembra bloccarci c’è il seme di un qualche tipo di opera.

Cecilia

Mi rendo conto che non troverei parole migliori per descrivere il lento trapasso dall’adolescenza alla prima età adulta e che, da ventunenne relativamente nuova a questa sensazione, posso dire che il subentrare della noia, della stanchezza e dell’insoddisfazione è davvero inesorabile quando si comincia a percepire il tempo, scandito dagli anni, che scorre.
Penso che la particolarità più sorprendente del brano sia l’allusività delle espressioni usate, metaforiche, astruse e a tratti ossimoriche, tali forse che risulterebbero incomprensibili se si stesse affrontando qualsiasi altro argomento. Ma dietro a queste parole è stato nascosto un richiamo a delle sensazioni, fisiche e psicologiche, che sono universali.
 Ad esempio ci si potrebbe chiedere come sia possibile andare “avanti eccitati, divertiti, […] accettando insieme la buona e la cattiva sorte” o trovare un posto in cui “perfino le ombre risplendono di promesse”. Eppure se rapportiamo queste due frasi al periodo della nostra prima adolescenza è impossibile non coglierne il significato, perché ognuno di noi conserva nel cuore i desideri ambigui, a volte tragici e spaventosi, di quell’età e può rimettere davanti agli occhi, rimanendo stupito, la lente attraverso il quale un ragazzino guarda il mondo. 
Lascia un commento a questo articolo

Prima di inserire un commento, assicurati di aver letto la nostra policy sui commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *