Spiro Scimone. Due persone e una cucina

“Nunzio”, l’opera prima di Spiro Scimone apre il cartellone della sala Laudamo a Messina.

Non c’è una storia da raccontare, solo due persone e una cucina. La cucina non è un ambiente, è una relazione. Non è neanche una storia, sono tante storie, che si intrecciano, danno vita e confluiscono in un’altra storia, senza fine. Così Spiro Scimone ha immaginato i suoi due personaggi, Pino (lo stesso Scimone) e Nunzio (Francesco Sframeli), raccolti in questo spazio, seduti ad un tavolo tra una cucina, un frigorifero e un lavandino. Un mondo a parte, all’interno del quale conta solo la relazione, un sicario può essere un brav’uomo e un “fissa” (stupido) può essere amato e rispettato.

L’opera è stata vincitrice della selezione IDI, Autori Nuovi 1994, e ancora Medaglia d’oro IDI per la drammaturgia 1995. I due personaggi sono stati poi prestati al cinema per il film “Due amici”, che ha vinto il “Leone d’Oro” quale opera prima a Venezia nel 2002. Una sfilza di successi per un testo forse un po’ acerbo, che anima una messinscena semplice e lineare. Quasi un laboratorio, anzi una provetta, da cui nasceranno i due personaggi, che come marchi di fabbrica popoleranno gli spettacoli del duo Scimone- Sframeli, “Bar”, “La Festa”, “La Busta”. I caratteri ci sono tutti, la durezza umana di Scimone-Pino, l’inettitudine a tratti scaltrissima di Sframeli-Nunzio.

C’è anche l’ambientazione, quel non luogo che con la sua carica di vissuto partecipa alla vicenda, in fondo secondaria, comunica ricordi, provvede oggetti e strumenti da cui scaturisce la vita. C’è la recitazione, sospesa tra il realismo e la rappresentazione della meccanicità che informa la comunicazione della generazione postmoderna. E infine c’è il dialetto messinese, ripulito, trasfigurato in una sorta di italiano regionale, ma pur sempre caldo, immediato, riconoscibile (o incomprensibile, probabilmente, per chi non lo frequenta). A tratti pesante tanto da donare alle azioni la forza di pietre; altre volte musicale, liquido, sfuggente.

Come sfuggente è il mondo dei due amici, evocato, assente, eppure prepotente, capace di irrompere nella cucina, nella relazione, con la violenza della malattia e della morte. Ma i due sapranno chiudergli la porta, se non delle loro vite, almeno della cucina, che rimane inviolata, approdo sicuro, abbraccio amico, ventre materno.

Prima di inserire un commento, assicurati di aver letto la nostra policy sui commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *