Articoli pubblicati in Editoriali

Odissea nello spazio

2001 Odissea nello spazio. Non si può iniziare un anno nuovo dedicato al tema del viaggio senza ricordare il capolavoro di Stanley Kubrick. Il film si apre con le immagini di un monolite e di un uomo-scimmia che scopre che un osso può essere usato come arma di offesa. Quattro milioni di anni dopo, nel … Continua

Attraversare un’attesa

Viaggiare sì, ma verso dove? Quale sentimento accompagna il viaggiatore? La speranza o la nostalgia? Il poeta greco K. Kavafis alla fine della sua poesia “Itaca”, allude all’importanza e al significato di “… avere un’Itaca”. Ma che significa esattamente “avere un’Itaca”? Il viaggio ha sempre una meta. Interrogandoci sulla meta del viaggio incontriamo due figure-tipo: … Continua

Viaggio: una foresta di simboli

Il TEMA DELL’ANNO di Bombacarta per il 2001 è IL VIAGGIO. Il “viaggio” è una delle figure più penetranti e pregnanti dell’immaginario collettivo occidentale. La dimensione spazio-temporale della nostra vita viene in esso coinvolta a tal punto che lo si può definire una delle metafore più dense del nostro essere nel mondo. Il viaggio può assumere vari volti: l’avventura, la nostalgia, … Continua

Tra arte e amicizia impariamo l’arte dell’amicizia vivendo l’amicizia per l’arte

Uno dei capisaldi di Bombacarta è il legame arte/vita. Ok. Allora ci si può chiedere: cosa conta *veramente* nella vita? E in questo l’arte che c’entra? Mi sono confrontato anche con scrittori come Lewis, ad esempio (quello del film “Viaggio in Inghilterra”), autore di libri molto noti. Per lui, rispetto a ciò che conta *veramente* … Continua

Un capitale di ricordi

BombaCarta ha ricevuto il primo premio per la produzione video (fascia d’età 19-35 anni) nel concorso “Roma, un capitale di ricordi“, organizzato dal Comune capitolino. Le motivazioni sono state comunicate in due righe: “Un’impaginazione ricca di spunti ironici. Interessanti il taglio narrativo e l’uso di un linguaggio visivo aggiornato”. Si tratta di note brevissime che … Continua

Opera necessaria

Quando dipingi, suoni, scrivi… cosa fai? – Attingi a una situazione particolarissima di vita che in quel momento è solo tua. Cogli la realtà oppure ti apri all’immaginario. Ed allora componi perché devi esprimere con urgenza quello che hai sperimentato: è il tuo modo particolarissimo di interpretare la realtà. La tua opera è “poesia (=creazione)” … Continua

Obbedienza

Quando ti alzi al mattino e spalanchi la finestra compi un atto preciso di obbedienza. La realtà che ti sta davanti è quella lì: innanzitutto puoi solo riceverla, accoglierla, constatare che c’è ed è lì davanti. Poi puoi chiudere gli occhi e spalancare la finestra della tua immaginazione, ma questo viene dopo. C’è il dolce … Continua